Nuove regole: e se invece legalizzassimo il “buona”?

A pochi giorni dall’inizio dell’applicazione delle nuove regole, avendo già visto i pro alle Hawaii pattare con l’asta dentro, schiacciare le chiodate in green, droppare dal ginocchio ed effettuare i colpi di prova da quelli che un tempo si chiamavano ostacoli d’acqua e oggi invece –chissà perché, forse per il cambiamento climatico e dunque per la conseguente desertificazione- sono state ribattezzate “aree di penalità”, ecco, avendo visto tutto questo, permettetemi di dire la mia.

A me proprio non piace.

Sarò old style, sarò vintage, sarò quel che sarò, ma a me tutto questo pacchetto propinatoci da Usga e R&A in tandem sembra un condono bello e buono di tutte quelle malefatte che i golfisti meno puri hanno combinato in campo dalla notte di Saint Andrews.

E ancora: se tutto questo marasma è stato pensato e organizzato per velocizzare il gioco, beh, a parte i 3 minuti concessi per la ricerca della palla contro i vecchi 5, ditemi voi dov’è il turbo messo alle partite, perché io proprio non lo vedo. Piuttosto, vedo solo un migliaio di golfisti super senior al giorno che in tutto il mondo restano incriccati nel tentativo maldestro di droppare la palla dall’altezza del ginocchio.

IMG_1286

Ora: si voleva rendere il golf un gioco più fast? Beh, allora vi dico la mia, certa di provocare con questa proposta shock l’alzamento di sopracciglio da parte di molti, anzi moltissimi giocatori. Allora: bastava fare quello che facciamo tutti quando ci giochiamo la classica birretta. Bastava legalizzare il cosiddetto “data”.

Bastava decidere che ogni pallina che entrasse in una circonferenza con un diametro da stabilire (40 cm? 50 cm?) disegnata intorno alla buca fosse considerata “given”, buona.

Avremmo risparmiato il tempo per mettere il marchino, per pulire la palla e per riposizionarla e avremmo azzerato di netto una marea di infarti che ci colpiscono quando lisciamo la buca da 20 cm.

Ok, mi direte: le regole dicono che una buca è finita quando la palla entra nella tazza della bandiera. Certo, ma le regole si possono cambiare: che ne pensate?

 

Comments

1 commento
  1. posted by
    Gilberto
    Gen 6, 2019 Reply

    Condivido

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *